Erbe cinesi per curare la nausea

0
84

Una combinazione di erbe cinesi in uso da oltre 1800 anni è in grado di ridurre gli effetti collaterali gastro-intestinali della chemioterapia. Per ora è in grado di farlo sui topi, ma la speranza è che sortisca lo stesso effetto anche sugli esseri umani.

erbe cinesi

Non solo: la formula erboristica sarebbe in grado di aumentare gli effetti benefici dei trattamenti utilizzati per la lotta contro il cancro. Le quattro erbe, il cui composto viene definito come PHY906, sono state preparate seguendo una ricetta cinese chiama Huang Qin Tang, utilizzata nella medicina tradizionale cinese per curare nausea, vomito e diarrea.

Lo studio, a cura di Yung-Chi Cheng della Henry Bronson e co-direttore del programma Yale Cancer Center’s Developmental Therapeutics, dimostrerebbe che la formula è in grado di ridurre gli effetti gastrointestinali dei farmaci utilizzati per la chemioterapia, senza tuttavia avere effetto sulla capacità di questi farmaci di uccidere le cellule cancerose.

"La chemioterapia causa un grande stress a milioni di pazienti, ma PHY906 ha composti multipli biologicamente attivi che possono agire come aiuto" afferma Cheng.

Gli esperimenti sui topi hanno dimostrato che le cavie sottoposte a chemioterapia ed al trattamento con il PHY906 hanno perso meno peso e hanno risposto meglio al trattamento.

Il composto riduce la tossicità dei farmaci attraverso diversi meccanismi, anche inibendo le infiammazioni e promuovendo la creazione di nuove cellule intestinali.

E' qualcosa che non si riesce ad ottenere con i farmaci attuali, che di solito si focalizzano su un solo meccanismo di risposta. "Questa combinazione di chemioterapia e erbe rappresente l'unione tra l'Occidente e l'Oriente nell'approcciare il trattamento del cancro" spiega Cheng.

La redazione consiglia:
CONDIVIDI
Articolo precedenteIl diabete si previene in palestra
La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here